Creare un giardino in balcone
Non tutti hanno il pollice verde e spesso chi ce l’ha abita in centro al quinto piano di un palazzo storico. C’est la vie. Pollice verde o meno su una cosa però siamo tutti d’accordo: la domenica mattina, con l’arrivo della primavera, fare colazione in giardino è il massimo, c’est pas vrai?

Bien, noi siamo qui per non farti rinunciare a tutto questo, sia se il tuo pollice è di tutti i colori tranne che verde, sia se non abiti in una villa fuori dal caos della città.

Il giardino che non ti aspetti

Per realizzare il tuo angolo di paradiso basta un terrazzo su cui posare il prato sintetico, che aggiungerà colore e atmosfera al balcone. Questa soluzione è realistica e funzionale.

Tappeto su misura prato sintetico
Il prato sintetico è composto da un filato speciale bicolore, è resistente ai raggi UV e ha il fondo drenante per permettere il deflusso dell’acqua (non dovrai ricordarti di annaffiarlo, ma nemmeno preoccuparti se piove!).

L’erba sintetica è morbida al tatto – quindi puoi camminare scalzo mentre sorseggi il caffè –, ma allo stesso tempo è molto resistente – dopo il caffè, quindi, scambia pure due tiri a pallone con i bambini.

Dimenticati le domeniche a falciare il prato, passare il concime e combattere contro gli insetti; pensa invece a come arredare il tuo nuovo giardino.

Gazebo o ombrellone?

Il terrazzo, anche se esterno, è comunque sinonimo di comfort e intimità. La prima cosa a cui devi pensare per arredarlo è un ombrellone per ripararti dal sole, dall’umidità della sera e dagli occhi indiscreti dei vicini.

Se il tuo terrazzo è troppo piccolo per un ombrellone tradizionale, ti consigliamo un ombrellone mezzaluna che può essere accostato alla parete (tipo questo).

Se invece hai la fortuna di abitare in un attico, il gazebo è la soluzione migliore.
Puoi scegliere quello mobile da smontare a fine estate o fisso con struttura in legno. Per godere di un’atmosfera più intensa chiudi i lati del gazebo con dei veli e illuminalo con dei fili di piccole lampadine.

Arreda l’ombrellone o il gazebo con un tavolino fatto di pallet, dei pouf-sacco che occupano poco spazio e delle sedie colorate specifiche per esterni.

Il colore della bella stagione

Ora manca solo il tocco floreale. Acquista dei vasi in terracotta, del terriccio e… dei fiori. Ma, quali fiori è meglio piantare?

Primule. Fiori da terrazzo

Per il periodo primaverile ti consigliamo:

  • Le primule: il fiore primaverile per eccellenza. Il prezzo è economico ma devi ricordarti di innaffiarle spesso perché il terreno deve essere sempre umido.
  • Le petunie: particolarmente adatte a essere piantate in vasi esposti al sole. Hanno una lunga fioritura (da maggio a ottobre), ma necessitano di molto acqua.
  • Le orchidee: fiore simbolo di femminilità ed eleganza. In primavera lasciale al sole ma con l’arrivo dell’estate proteggile dai raggi.

Per periodo estivo, invece, ti consigliamo:

  • I girasoli: simbolo di estate e vivacità. Hanno bisogno di poche cure.
  • Il gelsomino: colorato e profumato è tra le piante antizanzare più efficace.
  • Le ortensie: fioriscono per tutta la stagione estiva e non devono essere innaffiate spesso.

Les jeux sont faits. Ora goditi il caffè, il relax, la domenica in famiglia. Ma ricordati che lunedì devi tornare a lavoro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.